Trends

10/07/2017

Grandi lastre per l'architettura, un "rivoluzionario" primato italiano

L’affermazione delle superfici ceramiche di grande e grandissima dimensione per l'architettura pare inarrestabile. Impressionante è la velocità con cui, negli ultimi anni, le produzioni si sono indirizzate a formati sempre maggiori: piastrelle 60x60, 80x80 o anche 90x90 cm sono ormai uno standard e, spesso, il 60x60 cm rappresenta già il “formato minimo” nella gamma offerta.

Una vera rivoluzione rispetto a solo dieci anni fa, quando il 30x30 cm assorbiva ancora il 42% della produzione italiana, contro appena un 5% rappresentato dai 60x60 e 90x90 cm.

Se oggi parliamo di formati “minimi” e “standard” è perché una vera inversione di tendenza nel frattempo c’è stata, ed è quella che oggi, a tutte le maggiori fiere internazionali, ci fa ammirare meravigliose lastre in gres porcellanato di oltre 3 metri di altezza (e fino a 4,8 m) esposte in un numero di stand che aumenta anno dopo anno. È la risposta all’evoluzione delle correnti design che predilige superfici amplificate e continue, impossibili da fabbricare in dimensioni extra-large attraverso la pressatura tradizionale; questo nonostante presse ad alto tonnellaggio siano impiegate per produrre piastrelle fino a 120 e 180 cm di larghezza.

Nel 2002 è stata System Lamina ad inaugurare la storia, tutta italiana, dello sviluppo impiantistico per la produzione di grandi lastre: a lei risale la prima tecnologia di formatura, alternativa alla pressatura tradizionale, sviluppata per produrre superfici da 1x3 metri con spessore 3 mm.

Negli anni altre aziende si sono impegnate nella ricerca tecnologica finalizzata alla produzione di grandissimi formati ed oggi, sempre grazie alla tecnologia italiana, è possibile produrre lastre in gres porcellanato fino a 4,8 metri di altezza. Variabili gli spessori mentre, veramente infinite grazie alla tecnologia digitale, sono le possibilità di decorazione della superficie.

E l’Italia è capofila anche nella produzione delle lastre. Sono molte le aziende attive in questa tipologia produttiva e, nelle pagine seguenti, vi mostriamo una galleria di prodotti non esaustiva ma certamente varia ed interessante. 

Leggi l'articolo completo su Tile Italia 3/2017