Cucina

07/11/2016

Mix materico vincente per le nuove cucine Ernestomeda

A puntare sul mix materico, vero valore aggiunto dell’interior design 2.0 secondo le più attuali tendenze di mercato, sono, di recente, le nuove cucine Ernestomeda, che propongono tra le altre cose, abbinamenti inediti di differenti materiali di qualità.

Il nuovo modello Obliqua prevede, ad esempio, tra le varie opzioni, l’accostamento di legni massello Deluxe e biomalta. L’unicità di questa composizione è garantita nello specifico da quest’ultimo materiale, il cui ciclo applicativo artigianale arricchisce la finitura di dettagli sempre diversi. Si tratta di una resina a base acrilica altamente funzionale, grazie alle sue numerose proprietà: molto resistente all’usura, adattabile a qualsiasi superficie – dal legno all’inox, dal marmo all’alluminio - è inoltre traspirante, ignifugo e non è soggetto a viraggi di colore nel tempo.

I legni massello Deluxe conferiscono, invece, una nota calda e avvolgente al progetto: provengono da traversine ferroviarie inutilizzate e ritrovate in vecchie rimesse, a cui Ernestomeda ha dato nuova vita lasciandone invariate le caratteristiche estetiche originali - dalle venature alle variazioni di colore – risultato della naturale azione del tempo e degli agenti atmosferici.

Un’altra variante di Obliqua, vede congiunti il legno massello rovere quercus e il FenixNTM™, materiale dall’alto contenuto tecnologico impiegato nella variante cromatica grigio bromo per top, gole, ante, zoccoli e cappa a isola, e in quella bianco kos per le colonne.

Per Emetrica, design Andreucci&Hoisl, il rovere light seghettato, che connota colonne, pensili e schienale della cucina, si sposa con il gres porcellanato del top, nella finitura kerlite office.

Una delle nuove composizioni di Icon, design Giuseppe Bavuso, associa poi la pietra piasentina in diverse finiture – leather per il monoblocco lavaggio Sequel e fiammata per le basi, il piano Union e l’alzata del piano d’appoggio – al calore del legno massello Deluxe rovere vintage, che caratterizza il piano snack e l’armadio Indoor, dotato di cassettiera interna in acciaio. Altre caratteristiche sono i nodi e le alonature dovute ai depositi di tannino sulla superficie provocati dall’azione dell’acqua, e disomogeneità cromatiche (presenza di zone rossastre e macchie scure).