Bioedilizia

15/02/2019

Un vetro fonoisolante a prova di legge

Come l’efficienza energetica, anche l’isolamento acustico rappresenta un requisito fondamentale per un’abitazione performante. In proposito, a fare la differenza sia nel campo dell'edilizia privata che in quella pubblica, sono proprio i materiali, che opportunamente selezionati e utilizzati possono garantire un elevato comfort abitativo.

Le componenti vetrate svolgono una funzione determinante nell’isolamento acustico sia della facciata sia delle partizioni interne. A confermarlo è anche NSG Group, tra i principali produttori di sistemi in vetro, che punta sulla gamma di prodotto Optiphon™ a marchio Pilkington.

Si tratta di un vetro stratificato di sicurezza con uno speciale intercalare fonoassorbente che permette di ottenere alti livelli di abbattimento acustico in spessori contenuti, senza gravare sul dimensionamento delle finestre e in linea con eventuali vincoli relativi allo spessore massimo delle vetrate.

La gamma Pilkington Optiphon™ risulta ampia e variegata, con vetri a partire da 4,5 mm di spessore per arrivare fino a 20,8 mm per un isolamento acustico ottimale. Molteplici anche le prestazioni fornite: i vetri stratificati acustici, oltre ad avere caratteristiche di rottura sicura ai sensi della norma UNI EN 12600, sono anche certificati nella resistenza all’attacco manuale, secondo UNI EN 356.

Variando il tipo di substrato ed eventualmente applicando su di esso il coating, le possibili combinazioni si estendono ulteriormente: si può scegliere di utilizzare vetri a ridotto tenore di ferro Pilkington Optiwhite™, oppure assemblare vetri rivestiti per migliorare l’efficienza energetica della vetrata: scegliendo vetri della gamma Pilkington Optitherm™ o Pilkington Suncool™, si è in grado soddisfare requisiti di isolamento termico e di controllo solare.

I vetri Optiphon™ rappresentano pertanto una soluzione ideale nelle applicazioni in cui siano richieste dalla committenza, dalla legislazione o nel capitolato elevate prestazioni acustiche alle vetrate isolanti.

Fonoisolamento negli edifici: cosa prevede la normativa nazionale

In Italia la legislazione acustica è stata recentemente aggiornata a vantaggio di tutta la filiera e degli utenti. Un tassello molto importante è stato aggiunto mediante l’entrata in vigore del D.M. 11 gennaio 2017, che aggiorna i “Criteri Ambientali Minimi”, spesso noti come CAM. Questo Decreto, perfezionato dal D.M. 11 ottobre 2017 e recentemente dalle FAQ 2018, riguarda tutti i lavori sugli edifici pubblici.

Per questi edifici, in relazione al tipo di attività, e con severità superiore per le scuole e gli ospedali, si richiedono alle chiusure e alle partizioni determinati valori di fonoisolamento, che devono essere certificati in opera da tecnici abilitati.