Video

20/07/2017

ENIGMA by RCR: il "making of" con lastre Neolith

La storia di ENIGMA è iniziata con l'idea del noto chef catalano Albert Adrià di creare un ristorante “out-of-this-world ed enigmatico”: un progetto la cui vision ha preso forma dopo l’incontro con i professionisti dello studio RCR Arquitectes, Premio Pritzker 2017.

Il locale, situato nel cuore di Barcellona, è dunque partito da un concept ambizioso e futuristico per giungere alla realizzazione di uno spazio futuristico e “immersivo” per i commensali, in cui luci e ombre, trasparenze e materialità, elementi nebulari e fluidi si incontrano facendo disperdere i confini della struttura e dei suoi complementi.

Il progetto rappresenta una delle innovazioni più interessanti del 2017 nell'ambito delle superfici da rivestimento e della relativa applicazione.

Il poetico disegno ad acquerello realizzato dagli architetti su due fogli A3 come base di partenza per la pianificazione del manto materico è diventato infatti tangibile grazie alla tecnologia digitale (NDD, Neolith Digital Design) e alle caratteristiche della pietra sinterizzata di ultima generazione Neolith by TheSize, impiegata a 360°: su pavimenti, pareti, bagni, ripiani della cucina, armadietti e sistemi di estrazione dell'aria.

Una sfida sia sul fronte produttivo – per la creazione di lastre in texture irregolare e leggermente lucente, dalle sfumature cromatiche insolite per le superfici sinterizzate - sia sul fronte della posa, in particolar modo a pavimento – per la combinazione esatta di ciascuna grande lastra in modo da garantire continuità.

La soluzione di Neolith si è rivelata tanto ingegnosa quanto vincente, prevedendo inizialmente l’installazione dell'intera pavimentazione all’esterno della sede e fotografandola successivamente dall’alto tramite un drone con l’obiettivo di escludere incoerenze nello schema di posa.

Inoltre, lo spazio organico ricco di curvature e corridoi stretti ha reso necessario il taglio delle lastre in sei pezzi di minori dimensioni. In seguito, è stato implementato un vero e proprio sistema di coordinate da cui è derivata la mappatura delle superfici. Ciascuna lastra contrassegnata con una specifica etichetta ha permesso ai posatori in loco di ricomporre come un puzzle gli interni del locale.

Nel video, un interessante making of che spazia dal concepimento del disegno fino al completamento del progetto.