News

07/06/2016

Casalgrande Padana Grand Prix 2013-2015: i vincitori

Si è conclusa lo scorso 27 maggio la 10a edizione di Grand Prix, concorso internazionale d’architettura a cadenza biennale - istituito nel 1990 - promosso e organizzato da Casalgrande Padana per premiare le opere che meglio abbiano saputo valorizzare le proprietà tecniche e le potenzialità espressive degli elementi in gres porcellanato prodotti dall’azienda.

Oltre 150 i progettisti candidati alla fase finale dell’edizione 2013-2015, provenienti da ogni parte del mondo, con proposte di elevato livello qualitativo, a dimostrazione della crescente diffusione del materiale ceramico nell’ambito dell’architettura. Lo testimoniano i luoghi stessi in cui sono state realizzate le opere premiate: Sud Africa, Qatar, Perù, Russia, Ungheria, Polonia, Svizzera, Francia e Italia. 

La premiazione di quello che rientra ormai tra i più accreditati appuntamenti internazionali nel campo dell’architettura in ceramica, si è svolta presso l’Aula Magna dell’Università IUAV di Venezia, nel cuore della storica sede del Complesso dei Tolentini, che oggi ospita il rettorato. 

I premi sono stati consegnati nel corso di una cerimonia d’onore, durante la quale ha tenuto una lecture l’architetto Simone Sfriso appartenente a TAMassociati, il team curatoriale del Padiglione Italia alla 15a Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia in apertura il giorno successivo, sabato 28 giugno. 

Il Grand Prix di Casalgrande Padana raccoglie, nelle sue dieci edizioni, oltre venticinque anni di storia e, in più di 1.500 progetti d'architettura provenienti dai cinque continenti, costituisce un osservatorio privilegiato sull'evoluzione nell'utilizzo della ceramica e, più in generale, sullo sviluppo della ricerca progettuale e costruttiva, assumendo un ruolo di riferimento per l’intero settore.

La cerimonia di premiazione della 10 a edizione è stata anche l’occasione per lanciare ufficialmente l’11° Grand Prix, cui sono invitati a partecipare tutti i progettisti che nel loro lavoro sperimentino e impieghino creativamente le qualità estetiche e le eccellenze prestazionali dei materiali prodotti da Casalgrande Padana. La scadenza è fissata al 31 dicembre 2018. Come sempre, saranno ammesse al concorso le opere realmente terminata a quella data e che non abbiano partecipato alle precedenti edizioni.

La Giuria internazionale incaricata di valutare i lavori pervenuti, presieduta da Franco Manfredini, Presidente di Casalgrande Padana, era composta dagli architetti Alfonso Acocella, Giuseppe Cappochin, Presidente del Consiglio Nazionale Architetti PPC, Riccardo Blumer, Christophe Le Gac, Domenico Podestà, Sebastian Redecke, Matteo Vercelloni.

I vincitori del 1° Premio nei vari settori d’intervento risultano:

Centri commerciali e direzionali:

Zoltàn Kun - Kunyho Epitèsziroda kft

Mercato Klauzal - Budapest, Ungheria

 

Edilizia pubblica e dei servizi, edilizia industriale:

Giampiero Peia - Peia Associati srl

Sky Lounge Bar, Kempinski Residences and Suites - Doha, Qatar

 

Edilizia residenziale:

Jacopo Mascheroni - JM Architecture

Montebar Villa - Medeglia, Canton Ticino, Svizzera

 

Rivestimenti di facciata e pavimentazioni esterne:

5+1AA Alfonso Femia, Gianluca Peluffo – Agenzia di Architettura srl

1. Docks - Marsiglia, Francia

2. IULM 6 - Libera Università di Lingue e Comunicazione, Milano, Italia

3. Life - Nuovo quartiere Residenziale nell’area ex comparto Draco, Brescia, Italia

 

Piscine – premio speciale:

Alessandra Raso, Matteo Raso - Cliostraat

Nuovo Stadio del Nuoto di Cuneo - Complesso Sportivo Parco della Gioventù - Cuneo, Italia