Progetti

16/02/2017

46H: la trasformazione sostenibile di una casa ultracentenaria

Lo studio canadese baukultur/ca ha da poco portato a termine la trasformazione di una casa risalente al 1905, riconvertendola in un’abitazione moderna e altamente efficiente, nel quartiere “The Beaches” di Toronto, così chiamato per la presenza di quattro spiagge affacciate sul Lago Ontario.

La residenza sviluppata su 4 livelli è una delle poche a Toronto che fanno fede ai principi della bioedilizia, disegnata appositamente per ridurre al minimo le emissioni di anidride carbonica e, grazie ai materiali scelti, ridurre al minimo anche le eventuali manutenzioni future.

"Vediamo il nostro progetto anche come opportunità per mostrare le possibilità di una progettazione residenziale responsabile, in un’ottica moderna ed ecocompatibile adattabile a tutto il quartiere e più in generale a tutta la città", ha commentato Felix Leicher, architetto tedesco e proprietario dello studio.

Situata in una strada alberata vicino a negozi, ristoranti, scuole e parchi, la casa a pianta aperta si avvale infatti di un concept sostenibile che prevede un sistema di raffreddamento passivo, un volume di costruzione compatto, grande circolazione della luce naturale, un involucro edilizio ad alte prestazioni con facciate laterali e tetto interamente bianchi per agevolare la riflessione dei raggi, e tecnologie smart atte a ottimizzare la qualità dell'aria interna e il benessere dei proprietari.

Un’architettura contemporanea in armonia con la tradizione territoriale

L’obiettivo di creare un’architettura contemporanea che potesse radicarsi nel contesto territoriale circostante è stato raggiunto. I confini tra tetto e pareti si confondono dando vita a un risultato scultoreo di piani inclinati e orizzontali asimmetrici dall’aspetto moderno che tuttavia mantiene coerenza stilistica con le altre costruzioni del vicinato, quasi a riproporre un incastro. Pur nel pieno rispetto della struttura, delle forme e dei materiali impiegati dalle altre residenze, il progetto trova così il modo di reinventare i canoni estetici adattandoli sia alla tradizione che alle esigenze di modernità dei futuri acquirenti.

I pannelli bianchi che costituiscono facciate laterali e tetto, offrono riparo al restante rivestimento dell’edificio in legno naturale. Sia la parte anteriore che quella posteriore sono modellate da assi in legno termicamente modificato, con sistema a giunto aperto.

Mentre la parte anteriore esplora le configurazioni esistenti di bovindo e portico frontale per enfatizzare l'aspetto geometrico di tutta la casa, il retro sorprende grazie ad un rivestimento in doppia aggraffatura in rame.

Spazi interconnessi

Nel piano terra che ospita la zona giorno, fulcro conviviale della casa, l’interno, disposto a grande open space, è composto da singole aree funzionali ben connesse tra loro che creano uno spazio continuo in cui ogni zona dalla netta destinazione d’uso trova la sua precisa collocazione senza rimanere separata dalle altre o dall’esterno. Qui infatti non vi è soluzione di continuità a partire dall’ingresso e arrivando in salotto, attraverso la sala da pranzo e la cucina, sino alla camera padronale. Sul retro, i confini tra spazio abitativo interno e giardino paiono addirittura compenetrarsi.

La scelta dell’interior design predilige finiture luminose e ordinate. Il colore predominante è il bianco, sia sulle pareti che sul soffitto, mentre il pavimento in rovere massello sbiancato è occasionalmente intervallato con dettagli che richiamano l’esterno, dal legno termicamente trattato al rame, per arricchire il look contemporaneo dell’ambiente e allacciare meglio indoor e outdoor.

 

*credits

Località: Toronto, Ontario, Canada

Design & Development: baukultur/ca
Designer: Felix Leicher
Periodo di costruzione: maggio - novembre 2016 

Area: 2.880 metri quadrati

Photo credit: SilverHouse, Alex Lukey