Progetti

09/05/2018

L'incontro tra cibo e design minimalista da Nishiki Milano

La nuova veste del ristorante giapponese Nishiki di Milano, recentemente riaperto al pubblico in seguito al restyling d’interni a cura di Naòs Design, presenta una rivisitazione déco e una forte caratterizzazione “glamour asiatica” che trasporta il cliente in un’atmosfera fluttuante tra New York e Shanghai.

Interni e materiali

Il ristorante, sviluppato su una superficie di oltre 300 mq, si articola in cinque zone, tre delle quali, connotate da scenografiche tende sospese a controsoffitto in metallo a maglia intrecciata effetto color “champagne”. All’entrata, a cui si accede tramite una bussola di ingresso con porta scorrevole automatica, si distinguono tre lastre di vetro extrachiaro stratificato con inserto di tessuto di lino a trama sfilacciata che separano il primo ambiente di somministrazione con un mix di tavoli tondi e quadrati e sedute con poltrone e divani lineari in velluto e telai in ottone.

Gli esclusivi tatami privati vantano invece il tocco esotico e classy di tappezzeria Bonsai, rimanendo separati dal contesto generale grazie a tende veneziane fisse intelaiate con lamelle in legno scuro e tendaggi bianchi scorrevoli in tessuto acustico. La sala principale risalta soprattutto per i divani, realizzati ad hoc con struttura in tubolare di ottone ed opportunamente sagomati, schienale in legno di rovere termotrattato e rivestimento con velluto color “verde bosco” con lavorazione speciale capitonnè.

Sul fondo della sala principale domina il grande bancone Sushi: un concept monolitico realizzato con frontale in legno massello di rovere e cemento e a completare profili di finitura in ottone.

La pavimentazione delle sale, ad esclusione dei locali privè, è costituita da lastre in gres di grande formato in finitura materica effetto ardesia nera selezionate da due differenti collezioni del brand Ergon, Emilgroup: Cornerstone e Stone Project. La ricerca di un minimalismo essenziale per interpretare l’incontro tra due culture ha infatti portato alla selezione di prodotti ceramici di qualità dalla elevata resa estetica.

Le due collezioni rappresentano la sintesi perfetta tra creatività e tecnologia, dove la pietra risulta protagonista con le sue sfaccettature. In particolare, è stato scelto il colore Slate Black sulle superfici Cornerstone, nel formato 60x120 e il colore Grey sulle superfici Stone Project, nel formato 30x60.