Progetti

08/03/2019

Un attico con piscina vestito dal Lapitec

Tra i cieli di Latina, spicca una mini Spa situata sull’attico di un moderno palazzo a quattro piani progettato con il coordinamento dell’architetto Mariella Niglio dello studio romano Kaletekhne.

Fulcro dell'oasi open-air, la piscina è stata realizzata dalla società Wepool con un materiale ultra resistente e leggero che ha consentito all’architetto una grande libertà progettuale e la realizzazione di geometrie piuttosto complesse, come la chaise longue con la soffiante, la spiaggetta, i gradini con idromassaggio, ed elementi di design come la parete con cascata.

A vestire e completare lo spazio è la pietra sinterizzata Lapitec® , scelta anche per le sue proprietà tecniche: resistenza ai graffi e alle abrasioni, facilità di pulizia e insensibilità ai raggi UV. Il materiale, d’origine naturale, rientra peraltro a pieno titolo nella filosofia di ecosostenibilità che sottende all’intera abitazione, dotata di certificazione CasaClima Gold, e tra i primi edifici a energia quasi zero (NZEB) della zona.

Per il bordo della piscina (4,80m x 4,50m) sono state impiegate delle lastre dello spessore di 30mm nella finitura Vesuvio, dotata di un alto coefficiente antiscivolo risultando così la più indicata per applicazioni di questo tipo. La stessa finitura caratterizza anche il muro con al centro la cascata: per realizzarlo sono state usate due lastre in pietra sinterizzata, nella loro massima grandezza, tagliate a forma di “L” e incastrate l’una con l’altra per formare una parete unica. Dal punto di vista cromatico, i toni delicati e raffinati dell’Artico rendono l’acqua cristallina e conferiscono grande luminosità all’intera area.