Pavimenti e rivestimenti

24/07/2020

Nesite presenta Cork: pavimento sopraelevato in sughero

Per la sua estrazione non è necessario l’abbattimento di alcun albero, il suo impatto ambientale è pari a zero ed è dotato di eccellenti caratteristiche meccaniche e fisiche: il sughero è un materiale storicamente legato al mondo del progetto, grazie anche al suo orientamento “green”.

A reinterpretarlo oggi per le finiture di interni è Nesite, realtà italiana specializzata nella produzione di pavimentazioni sopraelevate, che dopo anni di ricerca e sviluppo presenta Cork, collezione di superfici in sughero in venti differenti finiture, anche personalizzabili.

Cork è disponibile in più formati e con spessore di 4 o 5 mm che, grazie alla struttura a nido d’ape, è in grado di assorbire le onde sonore (oltre il 50% in più del laminato) e migliorare il comfort acustico degli ambienti, garantendo inoltre notevoli proprietà isolanti, con conseguente risparmio energetico. Confortevole al calpestio, il sughero non attrae la polvere (è antistatico) ed è impermeabile, con ottima risposta anche agli agenti chimici.

Le sue tonalità e le trame, così come il suo aspetto crudo, assumono infine un aspetto contemporaneo nelle dieci finiture “design” proposte dall’azienda, che aggiungono alle altrettante proposte “naturali” anche la palette dei grigi, tra tonalità calde e fredde.

Nesite Interior, brand che rappresenta l’evoluzione di Nesite nel mondo del contract, propone infine il sughero anche come rivestimento a parete, con la possibilità di customizzazione della finitura.