News

09/09/2020

Emilio Ambasz premiato con il Compasso d'oro ADI alla carriera internazionale

L'argentino Emilio Ambasz, fra i massimi maestri internazionali del design e dell’architettura, ha ottenuto il prestigioso Compasso d’oro ADI alla carriera internazionale, attribuito in occasione della cerimonia della XXVI edizione. 

Titolare di oltre 220 brevetti industriali e meccanici, detentore di 3 Compassi d’oro (1981, 1991, 2001), vincitore di 9 Industrial Designers of America Awards (IDSA), del Golden Prize IBD, dello IF Design Award, in più occasioni dello Annual Design Review della rivista Industrial Design, dello ID Designer’s Choice Award e di moltissimi altri riconoscimenti, Ambasz, padre dell’architettura green, si dice “molto orgoglioso di aver ottenuto questo prestigioso riconoscimento internazionale” che la giuria gli ha assegnato quale “precursore del rapporto tra edificio e verde, ha concretizzato veri e propri manifesti ‘vivi’ di una cultura per lo sviluppo sostenibile. Ha esplorato con una poetica non consueta le relazioni tra questo modello culturale e i processi di design, anticipando coraggiosamente questioni oggi di urgente attualità rispetto alla responsabilità produttiva. Grande divulgatore della cultura del progetto di design, ha sostenuto appassionatamente nel mondo la conoscenza del miglior design Made in Italy”.

Ambasz è noto per i suoi poliedrici interessi e campi d’azione nel mondo del design: motori, illuminazione, elettronica, bottiglie, set di colori, spazzolini, arredi e corredi, sino al mondo delle sedute, cambiato dopo la sua invenzione Vertebra - Compasso d’oro del 1981, prodotto pluripremiato in tutto il pianeta e presente nelle collezioni permanenti del Museum of Modern Art of New York (MoMA) e del Metropolitan Museum, (sempre a New York, insieme ad altre sue creazioni), la prima sedia ergonomica automatica al mondo.

Già curatore di Architettura e Design al MoMA, dove organizzò la mostra di straordinario successo Italy: the new domestic landscape portando alla ribalta mondiale gli oggetti del design italiano, è membro onorario dell'American Institute of Architects e del Royal Institute of British Architects.