News

25/02/2021

Le "Active Surfaces" di Iris Ceramica Group confermate antivirali

Un altro importante traguardo quello raggiunto da Iris Ceramica Group in termini di ricerca e sviluppo. ACTIVE SURFACES™, le superfici ceramiche ad elevate prestazioni tecniche sono state oggetto di un importante studio da parte del Dipartimento di Scienze Biomediche, Chirurgiche e Odontoiatriche e del Dipartimento di Scienze Biomediche per la Salute dell’Università degli Studi di Milano per verificarne le proprietà antivirali contro il Coronavirus SARS-CoV-2 (responsabile del Covid-19). La ricerca è stata portata avanti dal Dipartimento di Ricerca e Sviluppo Active di Iris Ceramica Group in collaborazione con l’autorevole comitato tecnico-scientifico dei due dipartimenti dell’Università di Milano. 

I dati ottenuti hanno messo in evidenza risultati straordinari relativi alla capacità di ACTIVE SURFACES™ di eliminare il SARS-CoV-2 al 94% in seguito a sole 4 ore di esposizione a luce UV a bassa intensità (luce naturale e lampadine tradizionali anche a bassa intensità). Questo risultato significativo segue le Certificazioni ISO (ISO 21702 – ISO 18061) già ottenute sul materiale in merito ai quattro ceppi virali molto noti quali: le Influenze pandemiche H1N1 e H3N2, l’Enterovirus 71 e il Poliovirus. ACTIVE SURFACES™ vanta inoltre, da diversi anni, Certificazioni ISO anche in campo antibatterico tra cui su batteri antibiotico-resistenti (ISO 27447 – ISO 22196). 

I risultati ottenuti da ACTIVE SURFACES™ sono la prova dell’importante lavoro di ricerca avvalorato da una dettagliata documentazione scientifica, che dimostra l’innovazione caratterizzante i materiali ceramici dell’azienda modenese. Iris Ceramica Group ha infatti sviluppato già nel 2009 una tecnologia all’avanguardia in grado di rendere la ceramica eco-attiva. 

Più precisamente, le superfici ACTIVE SURFACES™ grazie ad un processo di fotocatalisi con biossido di titanio addizionato con argento – tecnologia coperta da ben due brevetti europei – si “attivano” eliminando così la presenza di inquinanti, agenti microbici (virus, batteri, funghi e muffe) oltre ad avere la capacità di eliminare i cattivi odori, così come di essere superfici autopulenti.