News

20/10/2019

Mapei Main Sponsor dell'iniziativa "Diamoci una Scossa"

Mapei annuncia il sostegno come Main Sponsor dell’iniziativa "Diamoci una Scossa!", promossa da Fondazione Inarcassa, CNI e CNAPPC, con il supporto scientifico del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, Protezione Civile Italiana, Conferenza dei Rettori Università Italiane e della Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica.

La manifestazione, strutturata in due diversi momenti - Giornata nazionale della prevenzione sismica e Mese della prevenzione sismica -, ha come obiettivo la sensibilizzazione dei cittadini alla tutela della propria sicurezza e del patrimonio storico-architettonico.

Per tutta la durata dell’evento (a partire da oggi, 20 ottobre 2019, data della 2^ Giornata nazionale della prevenzione sismica, fino al 20 novembre 2019) è possibile richiedere sopralluoghi tecnici gratuiti svolti da professionisti esperti in materia di rischio sismico, iscritti ai rispettivi Albi Professionali di competenza. Al termine della visita, richiedibile tramite il sito https://www.giornataprevenzionesismica.it/ il cittadino riceverà un Vademecum con le informazioni sui fattori di rischio gravanti sull’edificio, le soluzioni tecniche per il miglioramento o l’adeguamento dello stesso e infine le detrazioni fiscali disponibili (SismaBonus).

Sisma Bonus: cosa è utile sapere

Il Sisma Bonus è applicabile su spese sostenute nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2017 e il 31 dicembre 2021 (termine prorogato fino al 31 dicembre 2024), relativamente a interventi di messa in sicurezza statica di abitazioni e immobili destinati ad uso produttivo situati in zona ad alta pericolosità sismica.

Col passaggio da una classe di rischio a un’altra, si ottengono detrazioni fiscali per spese fino a 96.000 Euro:

  • 50% per interventi sulle parti strutturali che non conseguono un miglioramento della classe sismica;
  • 70% per interventi che riducono il rischio sismico di 1 classe (75% se su parti comuni di edifici condominiali);
  • 80% per interventi che riducono il rischio sismico di 2 classi (85% se su parti comuni di edifici condominiali).

Rientrano nel Sisma Bonus anche le spese relative alla progettazione, all’acquisto dei materiali, alle perizie e ai sopralluoghi, all’IVA nei casi in cui questa costituisce un costo, agli oneri di urbanizzazione, e le spese effettuate per la verifica sismica degli immobili. Inoltre, sono soggetti a detrazioni anche le spese sostenute per gli interventi di demolizione e ricostruzione, con il vincolo che rientrino nell’ambito delle ristrutturazioni edilizie.

Scopri le soluzioni Mapei per l'adeguamento sismico